mercoledì 18 marzo 2009

9

Non so perché...



Non so perché, ma stanotte, dopo gli ultimi post sul blog, mi è venuto in mente questo...

9 commenti:

Mik ha detto...

Per collegarsi al post precedente su taluni autori e su taluni loro fan, "shit happens".

Vlad ha detto...

in realtà pensavo a chi corre, corre, corre... per fare calare la panza. E alla fine torna a casa con le suole consumate e la barba lunga.

duccio ha detto...

Correre è filosofia; "fare filosofia";
Correre è congiungersi con la natura in un bagno d'aria e di luce, di profumi e colori;
Correre è assorbire l'aroma che esce dalle caffetterie al mattino da brioches e cornetti appena sfornati e pane caldo;
Correre è scambiare un saluto cordiale e due parole con l'uomo/ donna che ci tiene pulita la strada;
Correre è salutare persone solitarie che non conosci ma con cui ci si sorride;
Correre è potersi poi sedere a tavola in un rapporto sereno ed indulgente con il cibo;
Correre è amare se stessi e ringraziare Dio che ti da il privilegio di fare una cosa che non tutti, non per loro demerito, possono fare;
Correre è sognare di primo mattino;
Correre poi è CORRERE !

Vlad ha detto...

correre, a volte, è anche scappare...

Mik ha detto...

Ma è meglio correre o percorrere?
O forse trascorrere?
O peggio ancora, incorrere?

Vlad ha detto...

dipende. A volte si può ricorrere... alla forza

Ben ha detto...

correre è anche una giustificazione per non fare altre cose

xenia ha detto...

e con-correre?cioè correre con qualcuno? mi sembra bello. peccato il senso snaturato oggi giorno.
ciauz Ben, e Marrrria dov'è?
mi manchi, ooohhhhh, mi maaaanchi
( indovina un po' la canzone?

Ben ha detto...

di fausto leali

Archivio blog