giovedì 19 marzo 2009

24

I due grandi Vasi - Storiella cinese sui difetti



Un'anziana donna cinese aveva due grandi vasi, ciascuno sospeso all'estremità di un palo che lei portava sulle spalle.
Uno dei vasi aveva una crepa, mentre l'altro era perfetto, ed era sempre pieno d'acqua alla fine della lunga camminata dal ruscello a casa, mentre quello crepato arrivava mezzo vuoto.
Per due anni interi andò avanti così, con la donna che portava a casa solo un vaso e mezzo d'acqua.
Naturalmente, il vaso perfetto era orgoglioso dei propri risultati.
Ma il povero vaso crepato si vergognava del pro prio difetto, ed era avvilito di saper fare solo la metà di ciò per cui era stato fatto.
Dopo due anni che si rendeva conto del proprio amaro fallimento, un giorno parlò alla donna lungo il cammino: Mi vergogno di me stesso, perché questa crepa nel mio fianco fa sì che l'acqua fuoriesca lungo tutta la strada verso la vostra casa.
La vecchia sorrise: Ti sei accorto che ci sono dei fiori dalla tua parte del sentiero, ma non dalla parte dell'altro vaso?
È perché io ho Sempre saputo del tuo difetto, perciò ho piantato semi di fiori dal tuo lato del sentiero ed ogni giorno, mentre tornavamo, tu li innaffiavi.
Per due anni ho potuto raccogliere quei bei fiori per decorare la tavola.
Se tu non fossi stato come sei, non avrei avuto quelle bellezze per ingentilire la casa.
Ognuno di noi ha il proprio specifico difetto.
Ma sono la crepa e il difetto che ognuno ha a far sì che la nostra convivenza sia interessante e gratificante.
Bisogna prendere ciascuno per quello che è e vedere ciò che c'è di buono in lui.

E voi che difetti avete?
E quali i sono i difetti che detestate negli altri?

24 commenti:

Mik ha detto...

Questa storiella è orribile. Ma l'hai scritta tu?
O l'hai trovata nel trancio di mortadella che compri all'Esselunga?

api ha detto...

uffa.
è bellissima.

Margot ha detto...

è molto carina invece...ha uno scopo pedagogico, vero Api?

api ha detto...

ma certo!
è che mik stasera fa il sostenuto, ma è piaciuta anche a lui.

Mik ha detto...

Io non sono sostenuto: sono mantenuto.

xenia ha detto...

nononono, è in svendita alla LIDL.
manco a me piace. ah, Apizzetta, mangerò avanzi di rosticceria, visto che son sempre fuori e di corsa.

Bianca ha detto...

Sono permalosa, irascibile, sregolata, incostante, pigra, suscettibile, allucinata, litigiosa, cambio di umore ogni cinque minuti, strillo, a scuola copiavo le versioni dalla secchiona, dico le bugie, sono infedele mentalmente, cucino male, guido mediocremente, come casalinga un mezzo disastro, cado spesso anche in mezzo alla strada, faccio dopo un secolo quello che gli altri fanno domani e sono la disperazione di genitori, sorelle, fidanzati e insegnanti.

Ti basta?

Ben ha detto...

Mia moglie dice che sono egoista, stressante, testardo e poi non ha tempo di continuare perchè ha da fare. Meno male!

Negli altri mi danno fastidio la maleducazione, la prepotenza, l'arroganza.

maria ha detto...

Ciao Bianca!
Sempre nella tua biblioteca preferita?
Senti cara, a parte il fatto che l'ammissione di tutti questi difetti ti trasforma in una donna praticamente perfetta, mi spieghi come fai a cadere spesso...e pure in mezzo alla strada?
Sono preoccupatissima...

Bianca ha detto...

Ciao Maria, pensavo di scriverti una e-mail privata, in nome del nostro grande amore per il cinema, in ricordo della povera Natasha Richardson, che riposi in pace.
.......................

Le mie cadute un giorno diventeranno oggetto di studio da parte della filosofia, ne sono certa (ciao Mik).
Una volta ho sbattuto la schiena e non riuscivo a respirare, un'altra mi sono fatta una discesa tipo sci disseminando tutto il percorso di patatine che fuoriuscivano dalla busta, poi ho sbattuto contemporaneamente braccio gamba e testa contro la porta rimanendo zoppa per due settimane.

Un giorno all'ora di punta, nella via dello shopping a Cagliari, sono caduta faccia in giù e le scarpe sono volate via, un ragazzo è andato a recuperarle.

Ora ci faccio più attenzione, per la mia incolumità fisica e la mia reputazione.

Ciao Maria!

maria ha detto...

Vlad, sei da quelle parti?
Mi aspetto che da un momento all'altro arrivi con il tuo

IO, SONO IL DIFETTO

o no?

xenia ha detto...

questa la so!!!! appunto, anche io cado spesso. sto con la testa per aria, ecco perchè. . una volta, a scuola, ora di ricreazione. volo d'angelo sul cemento, dolore al ginocchio da svenire, muta, alla Fantozzi, arriva l'ambulanza e per tutto il tragitto fino all'ospedale mi sono dovuta sorbire i problemi di cuore del portantino stagionato ( oltre 40)che mi chiedeva: ma secondo lei è ora che mi sposi? io non sono convinto, non so se sono davvero innamorato. mi scendevano le lacrime, annuivo, e pensavo al sistema più consono per ucciderlo.

Bianca ha detto...

Ciao a tutte/i voi, mi avvio e se non ci si sente prima vi auguro un buon fine settimana.

Besos, Bì
(la sdrucciolevole di MKTV)

maria ha detto...

Bianca, accipicchia ma è una cosa seria!

Scrivimi pure e scusami se non ho ancora evaso la posta..
Anche io sono molto colpita e dispiaciuta dell'accaduto (come hai sicuramente immaginato).
Una vita, anche questa,
troppo giovane per essere stroncata così.
Chissà perché una parte di noi, quella più bambina sicuramente, pensa che, visto che appartengono ad un mondo che noi consideriamo quasi magico, gli attori debbano godere di una immunità particolare.
Sappiamo bene razionalmente che sono come noi ma quando muore uno di loro è come se si spegnessero un po' anche i nostri sogni.
Ciao Bianca, grazie.

Mik ha detto...

Ho sempre pensato che ci fosse gente strana in questo blog, e francamente pensavo a me stesso, ma Bianca e Xenia battono tutti...

Bianca ha detto...

Mik, io sono strana e lo faccio strano.

Tutto.

Penso che le cadute mi abbiano gravemente segnata.

Non so più a quale santo votarmi ma forse ho trovato la giusta soluzione per rimettermi sulla retta via.
E allora vedrete che cosa si nasconde dietro un faccino angelico.

A proposito: ho portato filosofia all'esame di maturità, bei tempi, ancora ero controllabile ma poi la situazione mi è sfuggita di mano.

Ciao Mik, mi avvio al bus, dove domenica mi sono beccàta una multa perché non mi ero accorta che avevo sforato l'orario non era più valido.

Bianca ha detto...

Il biglietto timbtato non era più valido, nopn l'orario, torno all'abbonamento.

Ciao a te Maria, avevo letto il tuo ricordo di Heath Ledger e così ti ho pensato quando la Richardson è morta, un lutto per lo spettacolo ma specialmente per la sua famiglia.

Davvero la vita umana è attaccata ad un filo, buon viaggio Natasha (tra l'altro aveva recitato in "Follia").

Scappo, alla prossima!
B.

Mik ha detto...

Bel film Follia!
Ciao Bi!

maria ha detto...

Già, cara Bianca, la famiglia, una famiglia di bravissimi attori. Vanessa Redgrave è sempre stata fra le mie attrici preferite. E Liam Neeson è uno di quegli attori convincenti in ogni ruolo.

Di Follia avevo letto il libro, molto interessante e inquietante, ma il film me lo sono perso.

Ciao Bianca, ciao Mik.

Vlad ha detto...

Xenia, anche tu di corsa?...

IO SONO IL VASO INTEGRO
IO SONO IL VASO ROTTO
quindi IO SONO LA PERFEZIONE

'Follia' di Patrick Mac Grath è uno dei libri più belli che io ricordi (Api dissente...)

Vlad ha detto...

... comunue, 'dai diamanti non nasce niente, dal letame nascono i fior...'

maria ha detto...

Vlad,
se mi citi De André, con una fra le frasi più semplici ma intense che abbia mai cantato non spengo più il pc... Ma ho l'amico che attende di andarsene a nanna e devo fare la brava.
Shhhh, buonanotte.

Vlad ha detto...

Sapevo che il grande Fabrizio non ti avrebbe lasciata indifferente...
Dopo 400 km, sei ore di lezione, svariate telefonate di lavoro e i prossimi tre giorni che dovrebbero essere di almeno 36 ore l'uno, ora vado di sopra anch'io. Percorro il corridoio fiancheggiato dalla libreria di circa quattordici metri lineari, e mi ficco a letto dove, accarezzando coi miei piedi quelli di mia moglie, andrè avanti conm un bellissimo libro di Paolo Di Stefano.
Buona notte a tutti

api ha detto...

Simona ha postato per prima questa storiella su Facebook.

Questa è la sua siegazione:

"Questa storia l'ha scovata una mia amica qualche tempo fa. Lei ha 2 bimbi, uno perfettamente sano, e l'altro con una emiparesi causatagli da un trauma al momento della nascita. Il bimbo chiedeva spesso alla mia amica " mamma, mi vuoi bene ugualmente, anche se non posso correre e saltare bene come mio fratello ?". inutile dire che questa mia amica non sapeva più come rassicurare suo figlio del fatto che non solo gli voleva bene, ma anche che era unico, prezioso ed indispensabile. Poi si imbattè in un libretto di fiabe cinesi..."

Archivio blog