sabato 17 gennaio 2009

6

Questa è quella vera...


Merda d'artista - Piero Manzoni - 1961


Questa è la vera merda d'artista. Concettualismo allo stato puro. L'opera si risolve e si conclude nell'idea; null'altro. Niente racconto ma solo allusione significante: il rito creativo si è già consumato totalmente nella mente dell'artista.
Nella pièce di Mik, invece, si consuma un brano di realtà. Ci sono una scena e un contesto ben determinati a far da sfondo ad un mondo concreto; fonte di allusioni psicologiche dai risvolti surreali, l'opera è composta di atti, sequenze temporali ben determinate e riconoscibili, materia e racconto danno forma al pensiero, che diviene tangibile ed intelliggibile attraverso lo svolgersi del processo di rappresentazione.

Ammazza! Questo si che è intrattenimento da sabato sera...

6 commenti:

Mik ha detto...

Mah, io penso che il rito creativo si sia consumato anche al di fuori dell'artista... o ritieni che sia soltanto una posa esistenzialista, una finzione afona?

api ha detto...

Mi viene da piangere.

Mik ha detto...

Beh, anche quello è un effetto di senso in qualche maniera invocato dall'artista, se non addirittura evocato dall'oggetto.

api ha detto...

A proposito di cacca, hai sentito l'ultima barzelletta di Berlu a Nuoro?
Carina.
Meno male che non ha raccontato quella del portacenere delle cinquacento, dài, è andata bene.

Mik ha detto...

Non l'ho sentita. Ora me ne vado in giro per Milano.

api ha detto...

Vai, vai.
Non farti scippare, però.

Archivio blog