domenica 22 novembre 2009

8

Buona domenica!

Reduce dalla giornata di ieri, in cui mi sono fatto in quattro, nel senso che la giornata era come suddivisa in quattro parti ben distinte: lavoro al mattino, attività di complemento e partecipazione ad evento in cui era esposto Il Treno delle 7,18 nel pomeriggio, cena in compagnia a sera, mi sono soffermato sull'ultima e ho parlato, nei miei blog, di un aspetto del cibo che per me è bello e particolare, e che si riassume nella immagine a fianco.
E voi cosa ne pensate del cibo?

8 commenti:

Vlad ha detto...

che ho appena messo sul fornello l'acqua per il bollito...

Ben ha detto...

Bollito? Fai un bel brodino per i malati? In questo caso sarebbe stato meglio un brodino di pollo per le sue proprietà antibiotiche.

Vlad, la mia era un'argomentazione seria, a sfondo psicologico-sociale.
Ma che si può!

Vlad ha detto...

e che non lo sapevo? Certo che è un'argomentazione seria.
Ma sul 'cibo' bisognerebbe riscriverci un'intera Treccani...
Anche sul bollito si potrebbe scrivere un libro.
Il mio di oggi un bollito di semplici costine di maiale. Niente brodo di carne.
Il brodo oggi lo faccio col dado (ahimé) per la 'pasta fritta'. E qui c'è lo sfondo familiar-intimistico: un po' come le madelein proustiane. Voglio fare assaggiare ai pargoli questa pasta di semola e uova che mi faceva sempre mia madre; lei però usava il brodo di manzo...
Un bel Nebbiolo del 2005 (questo non per i bimbi) e delle zucchine tagliate a fettine sottilissime e trifolate, anche queste come le faceva mia madre, anche se le tagliava a tocchetti più spessi.
Cosa ne penso, del cibo? Che, a parte l'aspetto legato alla sopravvivenza e alla fame nel mondo, tale 'necessità' quotidiana può lasciare dei segni indelebili nella nostra memoria, come appunto ci insegna Proust. E anche qui si potrebbero riscrivere mille libri.

api ha detto...

Allora, il cibo.
Preparare da mangiare due volte al giorno con due ragazzini che cambiano gusti ogni giorno (mammaaaaa questo non mi piace più, te l'avevo detttoooo) mi porta a considerare il fare da mangiare come 'un obbligo' dal quale non mi posso esentare...
Ma la domenica, quando prepara da mangiare il coniuge, godo profondamente nel mettere le zampe sotto il tavolo e gustare le sue leccornie (quando non parte con progetti improbabili come frittate con uva spina, per dire).
L'aspetto conviviale del cibo, cioè il mangiare insieme agli amici, è meraviglioso invece, anche se quando cucino tutto il giorno perché ho gente a pranzo o cena poi mi passa l'appetito.
:-(

api ha detto...

Non so se avete notato questo anonimo spammer che ci posta la pubblicità del Cialis (vd. commento di pochi minuti fa su 'Adddobbi').
Come ci si libera da codesta sciagura?!
Chiedo aiuto al pubblico a casa.

Mik ha detto...

Il consiglio è quello di eliminare i commenti sospetti o farlocchi per la semplice ragione che questi spammer, quando lasciano un commento, attivano anche la funzione che li avverte se qualcun altro interviene subito dopo di loro: in questo caso, riescono a risalire agli indirizzi degli utenti e li inondano a loro volta di spam.

api ha detto...

bisgona dire una cosa, caro Mik.
che questo spammer lascia messaggi su post vecchi di anni.
e meno male.

Mik ha detto...

Non ti permetto di definirmi caro.
Lo sanno tutti che ho uno sconto incorporato del 20%.

Archivio blog