domenica 11 aprile 2010

9

l'inverno del nostro scontento 2...


buongiorno. Oggi voglio potare la rosa banxia, finalmente. Mi alzo ottimista e vado alla finestra. Guardo fuori, il giardino. Cosa pensate che siano quei puntini bianchi tra la finestra e gli alberi?
Non sono i vetri sporchi, Mik!
Come si dice? 'Nevica, governo...'

9 commenti:

Mik ha detto...

Neve????
L'11 aprile?????????
Io sto preparando il bbq per una stupenda maialata: salsiccia e puntine di maiale... ah, e come primo preparo bucatini all'amatriciana.

Vlad ha detto...

sei il solito finocchio.
Comunque l'arrosto in forno cuoce e i tortelli d'erbetta affogano nel burro anche se nevica...
Che profumino!

Mik ha detto...

Alla faccia vostra, noi si è pranzato fuori, sotto il portico, mentre il grasso del maiale sfrigolava sulla pietra lavica del bbq...

xenia ha detto...

okkey, meteo Sinis: sole caldo, aria tipo brezza, natura rigogliosa, tutto un ciupaciupa di insetti ronzanti ed effluvi dalle mie piante aromatiche, salvia, rosmarino, maggiorana, lavanda selvatica, elicriso e pure la marialuisa.
se penso alla neve: rabbrividisco dall'orrore.
forza vladapini che se ne esce.. se ne esce..
baci alla valle

Vlad ha detto...

ciao bella Xenia! Certo che se ne esce. A tarda mattina (mentre l'arrosto cuoceva col rosmarino e il timo superstiti dalle nevicate precedenti)è uscito il sole. Complice un generoso caffè, sono riuscito a potare la rosa banxia, già ricca di germogli.

Ben ha detto...

E' neve, caro Vlad, questa mattina è arrivata molto vicina anche da noi, una leggera spruzzatina sulle colline a poche centinania di metri da casa.
Mik, l'amatriciana la conosco bene: in casa ce ne ho... due.

maria ha detto...

E le rose?
Sono sbocciate finalmente?
Vlad mi mancano le tue serate cineforum e i pezzi musicali.
Vi mando un caro abbraccio e l'augurio di una buona domenica.

Vlad ha detto...

Carissima Maria, che piacere ritrovarti!
Proprio pochissimi giorni fa mi chiedevo che fine avesse fatto il Blog, e mi sono accorto che mi mancavano le tue amabili e soffici parole a commento dei miei post.
Le roselline banxia qui davanti a casa stanno sbocciando, all'improvviso, proprio ora, e si abbracciano con passione ai rami più arditi del glicine, quelli che hanno voluto sfidare la norma e hanno abbandonato il fusto paterno fedele al tutore.
Però non so ancora dove sono le rose selvatiche di Ofelia dai capelli rossi e la pelle di luna.
Ma è una strana stagione questa, si sta come sospesi a mezz'aria, indecisi se sia meglio volgere lo sguardo all'indietro e guardare avanti...
Permettimi di invitarti al prossimo post, per un appunto di lettura.
Un abbraccio

maria ha detto...

Caro Vlad,
lo stare sospesi è una sensazione che conosco e vivo spesso. A volte serve anche questo: restare lì e gustarsi o soffrire l'attesa.
E ancora per guardare avanti è fondamentale avere buone cose da vedere quando ci si volta indietro. Ma non solo cose buone, a pensarci bene; anche guardare alle passate stagioni... matrigne può aiutare una migliore visione del futuro.
Così, solo qualche pensiero in libertà.
Una buona giornata e grazie per la festosa accoglienza.
Maria