giovedì 8 aprile 2010

5

atto d'amore

l'altra sera le gomme graffiavano amorevolmente l'asfalto nel ritorno; i fari ad ogni curva graffiavano i profili degli alberi ancora nudi; e questa musica graffiava l'anima come non l'aveva mai fatto.
Ecco i fiati; la scena si allarga subito all'orizzonte quando gli archi si fanno gentilmente strada, introducendo il ritmo del viaggio: quello di un treno sulle rotaie, ma anche quello di un atto d'amore, nel senso dell'amplesso, che è insignificante senza amore. Comunque un viaggio.
'... Some days there's nothing left to learn
From the point of no return
You're leaving...'
A questo punto, quasi impercettibile, con la discrezione e l'eleganza
che si addice ad un vero gentiluomo, entra l'oboe a introdurre il
refrain
'... Hey hey I saved the world today
Everybody’s happy now
The bad things gone away...'

Non potete non aver sentito l'oboe...

5 commenti:

maria ha detto...

L'oboe, d'accordo.
E la voce di Annie Lennox? Non è fantastica?
Molto realistico il tuo narrare, Vlad. Ho avuto la sensazione di esserci io, sola, alla guida dell'auto...

Vlad ha detto...

garzie mille ancora una volta Maria. Come sempre sensibile e delicata.
E' proprio la magia di quella voce che offre all'oboe l'occasione di esistere...

Mik ha detto...

A me piace il clarinetto.

Vlad ha detto...

ricordi la 'chitarrina' di Arbore?...

Mik ha detto...

Avevo proprio quella canzone in mente...